Chi siamo

Il Premio Internazionale Danza “Carlo Gesualdo” è un evento che porta in scena la danza, portata ai massimi livelli, sul palcoscenico del Teatro Comunale Carlo Gesualdo.

 

Giunto alla sua terza edizione il Premio è un progetto molto ambizioso che nasce come una celebrazione della danza, in tutte le sue sfaccettature: partendo dal Progetto Formazione @motion, che vede coinvolti allievi e studenti che si avvicinano a questo mondo e che si esibiscono in uno spettacolo di matinée, si sviluppa in un concorso nazionale e internazionale, presieduto da una giuria di caratura internazionale al quale partecipano ballerini non professionisti di altissimo livello di tutta Italia, si passa per le mostre fotografiche, con nomi di elevato spessore, e agli incontri tematici, con personalità di spicco, fino ad arrivare all’apice dell’evento che è la Serata di Gala, durante la quale vengono premiati i personaggi che hanno dato lustro al mondo della danza e si esibiscono le stelle della danza, provenienti da tutto il mondo.

 

L’intento degli organizzatori è quello di aprire all’arte della danza a tutto tondo grazie al coinvolgimento attivo di tutte le maestranze.

 

Una vera e propria Festa della danza che trasformerà Avellino nella capitale meridionale dell’arte tersicorea. L’evento è aperto alle scuole di danza italiane per offrire ai giovani allievi occasioni di crescita professionale, la possibilità di confrontarsi e allo stesso tempo di guadagnare esperienze formative di prestigio.

 

Dall’idea iniziale di Guendalina Manzi, direttrice della scuola tersicorea “Esmeralda” di Avellino vede la direzione artistica è del maestro Fabrizio Esposito.

 

«Da sempre avevo il desiderio di organizzare un evento che avesse la danza come protagonista ma che fosse allo stesso tempo inclusivo rispetto all’arte in generale – afferma Guendalina Manzi – La prima persona alla quale ho pensato per affidarvi la direzione artistica è stato Fabrizio Esposito, per il suo talento di ballerino e la sua esperienza nell’organizzazione di eventi di grande portata».

 

Danzatore solista e primo ballerino del Teatro San Carlo di Napoli dal 1986 al 2012, Esposito ha calcato i palcoscenici insieme ai più grandi ballerini al mondo, da Nurayev a Bolle, dalla Fracci all’Abbagnato, oltre a importanti esperienze di direzione artistica come il Napoli Danza Festival, Amalfi International, Roscigno Danza e Open Danza Live.

 

«Ho subito accettato con entusiasmo l’invito di Guendalina Manzi, una professionista dotata di profonda sensibilità artistica. L’intento alla base di questo evento è quello di creare per la prima volta un premio di tale portata dedicato alla danza, un po’ come avviene in città come Milano e Roma. Ad Avellino c’è la fortuna di avere un Teatro molto importante. Ritengo che per la danza, su tutto il territorio campano, a livello strutturale sia secondo solo al Teatro San Carlo, è dunque importante valorizzarlo per offrire alla città un appuntamento artistico culturale di grande pregio».